La presenza delle cantine sui social media: Facebook

facebook_vendere_vino
La presenza delle cantine sui social media è fondamentale e uno degli strumenti principali da utilizzare è senza dubbio Facebook. 

Come si usa Facebook? 

Facebook negli ultimi 10 anni è lo strumento che più di tutti ha modificato le nostre abitudini, ma soprattutto ha cambiato il modo di fare  Bussiness e pubblicità, anche per quanto riguarda il mondo del vino.

Facebook è nato con una favola: la favole del "Facebook è gratis e lo sarà per sempre". Cosa vera, ma al contempo quanto mai falsa. L'accesso a Fecebook, infatti,  a livello monetario è veramente gratuito. Chiunque vi può accedere senza spendere una lira. Allo stesso tempo, però, chi utilizza Facebook spende, eccome. Chi vi accede e lo usa per il proprio personal brand spende non denaro, ma in dati. Iscrivendoci a Facebook noi "regaliamo" dei dati che poi il Social Blu utilizza per veicolare diversi contenuti, ma questo poi lo vedremo.

Per chi fa business, per chi deve vendere vino su Facebook, invece, la favola della gratuita è proprio una favola. Vera tanto quanto il lupo che si traveste da nonnina.  Per fare business, Facebook non è gratis.

Ma, prima di tutto, bisogna capire che la presenza sui social per vendere vino e in particolare su Facebook non è la prima priorità quando si vuole iniziare a fare digital marketing.

Senza la creazione di un piano digitale, la presenza sui social network non serve, o meglio non ti aiuta a raggiungere obiettivi commerciali.

Si può certamente iniziare a configurare delle pagine, come quella Facebook, curando le informazioni principali che potrebbero interessare all'utente. Come il luogo della cantina, gli orari di apertura, il rimando al sito, i vini prodotti, ecc. Questo lo si può fare gratuitamente, ma non significa fare pubblicità.  Senza pixel (quei codicini che permettono di verificare le azioni di un utente... vi ricordate quando dicevamo che iscrivendoci a Facebook regaliamo i nostri dati... ecco!) non serve a nulla. Si gioca solo con Facebook, invece, noi vogliamo che la presenza su Facebook sia efficace e, soprattutto, produttiva.

Per fare business, Facebook non è gratis


3 utilizzi pratici di Facebook

La presenza su Facebook, se ben costruita, può portare diversi benefici:

1

Dedicati ad un target

Nonostante i grandi sforzi non tutto il tuo target ti conosce. Vuoi farti conoscere dagli Ho.Re.Ca, da nuovi agenti, dal consumatore finale… Bene dedicati a farti scoprire tramite Facebook. Se la gente non sa che esisti non può conoscerti. Crea un piano di contenuti adatto al target che hai individuato affinché questo possa scoprirti.


Una volta scoperti, il target, ovvero persone, possibili compratori, inizieranno ad esser coinvolti, ad interagire. Il famoso engagement, attraverso like, condivisioni, commenti.

Potrai così avere un'idea della risposta dei tuoi contenuti e di conseguenza, attraverso le sposorizzate, potrai canalizzare i successivi post/stories/dirette ad un pubblico specifico. 


Ricorda tutto su internet va verificato e misurato

2

Cura il local

Dedicarsi ad una zona specifica è fondamentale. Facebook tra le varie possibilità ha quella della geolocalizzazione. Quindi sa perfettamente dove ci troviamo e spesso anche dove viviamo (glielo diciamo direttamente noi al momento dell'iscrizione).


Per una cantina parlare al territorio d'origine è fondamentale. Cantina e territorio sono in simbiosi, non si può parlare dell'uno senza riferirsi all'altro.

Territorio significa un luogo, ma soprattutto delle persone. Quindi importante è curare e raccontare le caratteristiche del tuo territorio. Le persone che ne fanno parte, che sono vicine a te, possono diventare i tuoi primi ambassador, anche a livello digitale. 


Colpisci le persone vicine, così che loro possano condividere i tuoi contenuti digitali con entusiasmo. 


Cura il tuo local perché le persone sono fiere del proprio territorio e lo vogliono comunicare.


3

Su Facebook  non puoi vendere

Su Facebook non puoi vendere vino. Questo deve esser chiaro.

Ad oggi non puoi avere una transazione monetaria rispetto ad un prodotto alcolico come il vino.


Ma, allora qual è l’azione che si avvicina più alla vendita?. 


Il re marketing. La valorizzazione dei contenuti.

Inizia a dar valore a ciò che pubblichi e non farlo solo in occasioni speciali.


Come dicevamo all'inizio, serve un piano d'azione mirato. Ora mail, il digital è strettamente legato all'attività fisica, non per niente si parla di phisigital.

Un esempio? Puoi rendere la presenza ad una fiera alla quale partecipi ancora ancora più efficace attraverso la creazione di video, dirette, stories, geocalizzando il post, utilizzando gli  influencer.


Vedrai quanti benefici, la gente ti troverà e darà valore al tuo lavoro.

La presenza sui Facebook è certamente fondamentale se inserita in un piano strategico di digital marketing. Le possibilità che Facebook ti propone sono infinite e molto utili per fare business, ma ricorda...non sono gratis. Volendo puoi affidarti a noi per la consulenza social per vendere vino

Non si può fare business su Facebook senza una "spesa di carta di credito".  Pianifica, crea e investi. Così il "Social Blu" non sarà solo un gioco, ma un vero strumento di business  

Se vuoi saperne di più, resta aggiornato sui prossimi contenuti di Contestidivini!


Hai trovato interessante l'articolo?


NON PERDERTI I PROSSIMI CONTENUTI DI WINE MARKETING

Lascia i tuoi dati (ne avrò cura non piace nemmeno a me lo spam)

Potrebbe interessarti...
Se non sei social non sforzarti di diventarlo
non essere social per forza

Presi dalla voglia di riempire un buco, un calendario o da chissà quale altra forza oscura sconosciuta (se sei un'agenzia spero non sia il contratto a spingerti a farlo solo Leggi tutto

Postando contenuti sui social stai guadagnando oppure perdendo opportunità?
Fomo_in_cantina

Nella tua cantina, di recente, siete stati colpiti da FOMO? Niente paura, non si tratta di nessun nuovo batterio che infesterà le viti, ma di un problema che noto spesso Leggi tutto

Professionisti del vino: come autopromuoversi sui social media?

sommelier_cosa_comunicare_sui_social

Amati, odiati, ma in ogni caso ormai indispensabili: per sommelier ed enologi, i social media oggi sono uno strumento di lavoro a tutti gli effetti. Capire come sfruttarli in modo efficace Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.