Se non sei social non sforzarti di diventarlo

non essere social per forza

Presi dalla voglia di riempire un buco, un calendario o da chissà quale altra forza oscura sconosciuta (se sei un'agenzia spero non sia il contratto a spingerti a farlo solo per mostrare che hai pubblicato), la tendenza è quella di pubblicare senza sosta. Architettare nuove posizioni impossibili per il tuo vino (n.b. se lo fa Stefano Quaglierini piace perchè è il suo stile, se lo copi fai una cagata) non fa altro che renderti sempre meno visibile agli occhi del consumatore annoiato che spollicia il feed.

Essere social e stare sui social sono due azioni ben diverse.

Ci sono tanti esempi di persone portate ad una normale empatia (anche con la telecamera dello smartphone) che, con costanza e impegno, si stanno ricavando uno spazio nella mente degli utenti.

Vedi Paolo Nenci, Francesca Bardelli Nonino, Gianluca Morino e tanti altri ragazzi e ragazze, spesso giovani.

Queste persone hanno capitalizzato al meglio il concetto di personal branding. Il personal branding  è una strada che ti permette di non investire denaro in delivery del contenuto, ma che ti obbliga a dedicarci molto tempo e te la consiglio se sei una persona social anche nella vita normale.

Ma se non lo sei, sforzarsi di esserlo e scimmiottare qualcun altro non fa che peggiorare le cose.

E ahinoi, qui di casi ce ne sono tantissimi.

E' cambiato tutto e lo ripeto da più di un anno se mi segui in articoli, podcast, video, stories…e forse te ne stai rendendo conto da Google Analytics, dalle piattaforme e dai loro algoritmi: continuare ad applicare formule obsolete non ti permetterà mai di capire se questi strumenti vengono utilizzati dai tuoi potenziali clienti

Sì, AGENTI, RISTORATORI ED IMPORTATORI, anche loro li usano, ma quali e in che modo possono essere realmente utili? 

Ecco UTILE è la parola su cui metterei l’accento.

Se posso darti un consiglio è questo: soffermati a pensare al tuo prossimo post e capisci se davvero c'è utilità in quello che stai per pubblicare.

Altri tips che posso darti per non sparire da strumenti importanti ma, al tempo stesso, per sollevarti dall’obbligo di una pubblicazione convulsiva e senza senso sono:

  • Dai più spazio alle azioni offline: spesso vedo bellissime iniziative che al massimo hanno due stories (fatte di fretta ) e forse la pubblicazione di un post Instagram. No! Parlane, mettile in risalto!

  • Condividi i premi ed i riconoscimenti, SPIEGALI, parlane ciclicamente, sono interessanti e migliorano la tua reputazione 

  • Parla dei tuoi clienti: di bottiglie ed etichette è pieno il web...pensa a chi ti ha già dato fiducia e descrivi che persona è, il suo acquisto, la sua soddisfazione. Ricorda, oggi il prodotto è diventato STORYTELLING.

Alla prossima!


Hai trovato interessante l'articolo?


NON PERDERTI I PROSSIMI CONTENUTI DI WINE MARKETING

Lascia i tuoi dati (ne avrò cura non piace nemmeno a me lo spam)

Potrebbe interessarti...
Postando contenuti sui social stai guadagnando oppure perdendo opportunità?
Fomo_in_cantina

Nella tua cantina, di recente, siete stati colpiti da FOMO? Niente paura, non si tratta di nessun nuovo batterio che infesterà le viti, ma di un problema che noto spesso Leggi tutto

Professionisti del vino: come autopromuoversi sui social media?

sommelier_cosa_comunicare_sui_social

Amati, odiati, ma in ogni caso ormai indispensabili: per sommelier ed enologi, i social media oggi sono uno strumento di lavoro a tutti gli effetti. Capire come sfruttarli in modo efficace Leggi tutto

Come usare i social per vendere vino nel 2021
Vendere_vino_socialmedia_contestidivini

E' vero che siamo nel 2021 e la tecnologia continua a fare passi da gigante, ma la macchina del tempo per tornare indietro nel passato non esiste ancora e così Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.