fbpx

Professionisti del vino: come autopromuoversi sui social media?


sommelier_cosa_comunicare_sui_social

Amati, odiati, ma in ogni caso ormai indispensabili: per sommelier ed enologi, i social media oggi sono uno strumento di lavoro a tutti gli effetti. 

Capire come sfruttarli in modo efficace non è semplice: 

  • su quali essere presenti? 
  • Con quale frequenza? 
  • Cosa postare? 
  • Come sapere se stanno funzionando e se stanno portando risultati concreti? 

Se ti stai facendo queste domande, continua a leggere: in questa breve guida troverai tutte le risposte fondamentali per strutturare la tua strategia di social media marketing.

Facebook, Instagram, Linkedin, Youtube: quali canali scegliere per promuoversi?

A questa domanda, dobbiamo purtroppo rispondere con un’altra domanda: 

su quali canali si trovano i tuoi potenziali clienti?

La prima valutazione da fare, infatti, è proprio questa. Con così tanti social a disposizione è facile perdere il focus e pensare di dover essere presenti ovunque, oppure lanciarsi su quelli che sembrano essere “i social del momento”. 

Ma non è detto che il social del momento sia anche quello su cui si trovano e interagiscono i tuoi potenziali clienti! La prima cosa da fare, quindi, è un’analisi del tuo target di riferimento e del suo comportamento online. 

Una volta capito dove si trova, potrai anche ragionare su come raggiungerlo e su quale tipo di contenuto realizzare sulle diverse piattaforme.

Facebook, Instagram, Linkedin: meglio un profilo personale o una pagina?

Molti sommelier ed enologi che si avvicinano ai social media con obiettivi di marketing si trovano a fare i conti con una realtà: 

sui canali social, come Facebook e LinkedIn, i post pubblicati dai profili hanno tendenzialmente più visibilità ed engagement rispetto a quelli pubblicati sulle pagine.

Quindi, per fare comunicazione nel vino, è meglio usare il profilo personale? La risposta non è così lineare!

Prendiamo in esame i 3 principali canali sui quali ci si trova di fronte a questa domanda. 

Facebook

qui avere una pagina è indispensabile, per diversi motivi. Apparire più credibile e professionale, innanzitutto, grazie alla possibilità di inserire una bio curata e l’indicazione della tua professione già nel nome della pagina (ad esempio: “Contesti Divini Sommelier”). Ma serve anche poter sponsorizzare i propri contenuti ampliando le proprie cerchie, monitorare i risultati, avere una corretta separazione tra i contenuti legati alla vita privata e quelli legati alla vita professionale

Linkedin

il discorso su LinkedIn è leggermente differente. Anche in questo caso avere una pagina può essere utile per poter accedere a dati analitici e per poter effettuare delle campagne pubblicitarie a pagamento (ma attenzione, devono essere ben ragionate: LinkedIn ha costi maggiori rispetto ad altri canali). Ricordiamo però che LinkedIn è un social network dedicato alle relazioni professionali: qui ha senso utilizzare il profilo per comunicare, entrare in contatto con altri professionisti, raggiungere il proprio target e costruire il proprio personal branding. Il nostro consiglio è quello di far lavorare il profilo in sinergia con la pagina.

Instagram

su Instagram la differenza tra profilo personale e profilo professionale è molto meno marcata rispetto agli altri social che abbiamo visto. In questo caso, attivare un profilo business ti sarà utile per poter monitorare i risultati e avviare campagne pubblicitarie. Apparentemente, profili personali e professionali sono identici, quindi starà a te mantenere il focus su ciò che desideri comunicare e sullo scopo commerciale della tua presenza online.

Personal branding per sommelier ed enologi: cosa pubblicare su social?

I social media sono prevalentemente canali nei quali coltivare il proprio personal branding: difficilmente si otterrà una conversione commerciale su Facebook o Instagram senza traghettare il tuo target su altri canali, come il sito web, la newsletter o una pagina di vendita, dopo un adeguato percorso costruito ad hoc. 

Per un sommelier o un enologo, i social però sono canali importanti per: 

  • farsi conoscere
  • costruire una relazione duratura e restare quindi nella mente del potenziale cliente
  • acquisire autorevolezza
  • far conoscere i propri servizi.

Ecco quindi un altro motivo per distinguere gli account personali da quelli professionali: la possibilità di elaborare un piano di contenuti specifici, che soddisfi queste esigenze.

Facebook, LinkedIn, Youtube e Instagram sono canali dai linguaggi differenti: questo significa che i tuoi contenuti andranno declinati secondo le caratteristiche più adatte alla singola piattaforma. Non cambiano, però, i macrotemi consigliati per promuoverti come enologo o sommelier. 

Usa questi canali per: 

  • raccontare il tuo lavoro quotidiano
  • condividere contenuti che mostrino le tue competenze
  • offrire risposte concrete alle loro domande più frequenti e mostrare in che modo risolvi i problemi del tuo target
  • far sapere che cosa offri e cosa puoi fare per i tuoi clienti (questo tipo di contenuto più commerciale deve essere accuratamente dosato all’interno del tuo piano).

Come capire se la tua strategia social sta funzionando

A questo punto, non ti resta che andare online e monitorare i risultati! 

Come fare? 

Stabilendo un obiettivo concreto per ogni tipo di contenuto che andrai a postare e misurando i relativi dati offerti dalla piattaforma (oppure, usando tool esterni specifici). 

Un esempio?

  • per un post di branding ti sarà utile monitorare l’engagement, cioè se il tuo pubblico di riferimento interagisce e mostra apprezzamento per ciò che stai comunicando
  • per un contenuto che presenta un tuo servizio, potresti voler monitorare quante persone dal tuo post cliccano sulla relativa pagina del tuo sito.
  • per post che puntano a farti raggiungere nuovi utenti, potrai monitorare la crescita dei like o dei follower, mantenendo un occhio nel periodo successivo all’andamento dell’engagement, per assicurarti che le persone raggiunte siano davvero interessate da ciò che stai pubblicando.

Conoscenza del target, strategia, monitoraggio e ottimizzazione: con questi ingredienti, i social media possono trasformarsi in potenti strumenti di marketing per enologi e sommelier!

- Christian forgione 


Hai trovato interessante l'articolo?


NON PERDERTI I PROSSIMI CONTENUTI DI WINE MARKETING

Lascia i tuoi dati (ne avrò cura non piace nemmeno a me lo spam)

Potrebbe interessarti...
Come usare i social per vendere vino nel 2021
Vendere_vino_socialmedia_contestidivini

E' vero che siamo nel 2021 e la tecnologia continua a fare passi da gigante, ma la macchina del tempo per tornare indietro nel passato non esiste ancora e così Leggi tutto

Come promuovere un vino sui social
vino_social

L'utilizzo dei social da parte delle aziende vitivinicole è un'opportunità da non perdere per promuovere i propri vini ampliando il proprio raggio d'azione e di vendite, così come descritto nell'articolo Leggi tutto

Pubblicità su Facebook per un buon social media wine marketing
Social Advertising

Non esiste marketing sui social se non si usano gli advertising su Facebook e Instagram. Sì, è subito un intervento a gamba tesa, ma meglio fissare fin da subito il Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri i Webinar per curare la tua vigna digitale